fbpx
  • Trend & Norme

    Nomisma: 625.900 famiglie sono pronte a comprare casa nonostante il coronavirus

    Una famiglia su quattro dichiara di essere in ritardo con il pagamento degli affitti. Il 40% dichiara che si troverà in quella condizione nei prossimi 12 mesi Il coronavirus sembra non aver spento la voglia di mattone. Le famiglie nel nostro Paese continuano a guardare all’acquisto della casa come un anno fa. Nonostante il periodo di grande difficoltà e incertezza, sarebbero ben 2,5 milioni quelle propense all’operazione. Il dato, presentato oggi da Nomisma durante l’evento in diretta streaming «Fuori tutti, la voce alle famiglie. Vivere, abitare, investire: oltre il coronavirus» in collaborazione con Crif e Unicredit Subito Casa, sorprende in una fase di grande difficoltà e incertezza come quella attuale.…

    Commenti disabilitati su Nomisma: 625.900 famiglie sono pronte a comprare casa nonostante il coronavirus
  • In punta di Diritto

    Niente crolli dei prezzi immobiliari (almeno ora) dovuti al Covid19

    Le variazioni nelle grandi città e per Regione. Il prolungato lockdown e il conseguente congelato il mercato delle compravendite immobiliari non sta per il momento deprimendo eccessivamente i prezzi delle case anche se il segno meno coinvolge ad aprile la metà delle Regioni italiane. In generale il prezzo delle abitazioni già esistenti segna una flessione dello 0,1% ad aprile, stando ai dati dell’Ufficio Studi di idealista. Il prezzo medio del mattone in Italia ora è di 1.697 euro al metro quadro, -2,2% negli ultimi 12 mesi. “Lo stato delle misure di emergenza attualmente in atto, inclusa la necessaria applicazione del distanziamento sociale, hanno influenzato il mercato immobiliare in molti modi”,…

    Commenti disabilitati su Niente crolli dei prezzi immobiliari (almeno ora) dovuti al Covid19
  • EmmeQ News

    Comprare o affittare casa al tempo del coronavirus? Si può, ma ecco come cambia

    Illustrate le misure per la riapertura delle agenzie immobiliari  – La Federazione degli Agenti Immobiliari Professionali con massima celerità ha messo a disposizione dei propri associati protocolli operativi, informative privacy, modelli di attestazione visite e auto dichiarazioni. Da lunedì 4 maggio, le agenzie immobiliari potranno riaprire. Anche la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali, ha confermato la data di ripresa delle attività e con la massima celerità, grazie alla proficua collaborazione dei presidenti provinciali toscani con la dirigenza regionale e con il Centro Studi Nazionale Fiaip, si è immediatamente attivata per mettere a disposizione dei propri associati protocolli operativi, informative privacy, modelli di attestazione delle visite ed auto dichiarazioni per collaboratori e dipendenti, chiarendo tutte…

    Commenti disabilitati su Comprare o affittare casa al tempo del coronavirus? Si può, ma ecco come cambia
  • EmmeQ News

    Bce conferma tassi, introduce nuove misure a sostegno liquidità.

    30 aprile – Confermato il costo del denaro sugli attuali minimi, come ampiamante previsto, il consiglio di politica monetaria della Banca centrale europea si chiude con il varo di nuove misure a sostegno della liquidità. Per far fronte alle tensioni sul mercato interbaancario legate alla crisi della pandemia, Francoforte è pronta a remunerare in maniera ancora più generosa gi istituti di credito che ricorrono ai suoi finanziamenti. Alle banche che utilizzano gli strumenti — linee di credito a lungo termine — verrà garantito un premio di 0,50%, che sale a 1% nel caso i fondi vengano trasferiti all’economia reale. Un margine dell’1% sarà applicato alle nuove operazioni battezzate oggi ‘Peltro’,…

    Commenti disabilitati su Bce conferma tassi, introduce nuove misure a sostegno liquidità.
  • EmmeQ News

    Nuovo collasso del petrolio: ancora sei mesi di prezzi bassi?

    – Continua il forte calo del prezzo del petrolio con l’eccesso di offerta sempre al centro dell’attenzione dei mercati. Il prezzo del greggio scende sotto i 14 dollari al barile, ai minimi dal 1999, dopo che già nei giorni scorsi il contratto di maggio era sceso in negativo prima del passaggio alla nuova scadenza. In calo anche il Brent(-5%), appena sopra i 23 dollari al barile. Anche con il contratto di giugno, dunque, il problema resta che “di petrolio in circolazione ce n’è tanto, troppo”, spiega Maurizio Mazziero della Mazziero Research. “Si stima un calo della domanda di circa il 20% ad aprile, mentre le riduzioni di produzione dell’Opec+ riguardano il 10 %…

    Commenti disabilitati su Nuovo collasso del petrolio: ancora sei mesi di prezzi bassi?