fbpx
EmmeQ News,  In punta di Diritto,  Interior desire,  Trend & Norme

Vivere l’outdoor: le coperture per ogni occasione

Arredare gli spazi esterni della propria casa rappresenta un dovere, ma anche un piacere, per dare un tocco di ordine al proprio giardino e valorizzare l’aspetto estetico dell’abitazione.

Porre dei Gazebo da giardino all’esterno, pergole e i sistemi oscuranti più leggeri con tende e vele, sono un ottimo pretesto per migliorare la zona outdoor e vivere un’estate davvero elegante dal grande potere decorativo.

Tipologie di strutture di arredo da esterno

La pergola

Generalmente leggera, in legno o metallo, è una struttura aperta sia nei lati esterni che nella parte superiore, senza fondazioni, di modeste dimensioni e di facile rimozione, la cui finalità è quella di creare ombra mediante piante rampicanti, cannucciati o teli.

La tenda

Utilizzata quando bisogna migliorare la fruibilità quotidiana di uno spazio già esistente, come ad esempio un balcone o una parte di giardino. La sua installazione rientra sempre tra gli interventi di edilizia libera, e riesce a coprire spazi dando vita ad ambienti più intimi.

La pergotenda

Assimilabile ad una tenda, è una struttura esterna di arredo, costituita da struttura leggera ed amovibile in metallo o in legno di spessore contenuto, e può essere coperta da telo anche retrattile, stuoie in canna o bambù oppure materiale in pellicola trasparente, priva di opere murarie e di pareti chiuse di qualsiasi genere, costituita da elementi leggeri, assemblati tra loro, tali da rendere possibile la loro rimozione previo smontaggio e non demolizione. La sua funzione principale è quella di proteggere dal sole e di riparare dalle intemperie

Il gazebo

È una struttura architettonica coperta, aperta sui lati verso l’esterno, solitamente fissa e costruita in legno strutturale, ferro battuto, muratura. Se destinato a soddisfare esigenze permanenti, è necessario il permesso di costruire. In caso contrario, è un intervento di edilizia libera per il quale solitamente non è richiesta alcuna documentazione quale ad esempio l’autorizzazione paesaggistica.

Gazebo da giardino: quale copertura scegliere?

Il gazebo da giardino può essere scelto in base ai propri gusti, ma anche in base alle dimensioni preferite, assecondando la forma e il volume delle aree verdi, nel rispetto dello stile della casa

Infatti, forma, stile, colori e materiali usati giocheranno una parte importante nell’aspetto finale.

Per una casa d’epoca, in un centro storico o in campagna, come ad esempio un casale, magari nei pressi di una piscina, il design pulito e minimalista rimane la soluzione migliore. Bianco o color grafite, può essere perfetto per dare un senso di modernità mantenendo un’anima storica

Se l’abitazione è infatti moderna, il gazebo da giardino può assumere una veste essenziale e geometrica, mentre se la casa vanta dei tratti rustici, la struttura può essere scelta in legno e completata con tendaggi in tessuto grezzo e dallo stile naturale.

Il gazebo da giardino è tecnicamente un ‘padiglione aperto’, una struttura che ha subito un’intensa evoluzione nel corso del tempo e che al giorno d’oggi si propone come un elemento bello e pregevole da inserire in giardino. 

Solitamente viene realizzato con una base strutturale di forma quadrata oppure rettangolare, in grado di sostenersi da sola, e si completa con l’inserimento di tende e di coperture finalizzate a creare delle zone d’ombra. Il gazebo è quindi una sorta di spazio semi chiuso all’aperto, che permette di ripararsi dal sole, ma anche dalla pioggia nel caso delle proposte più robuste. 

Attenzione alle normative

Gli interventi di installazione, riparazione, sostituzione o rinnovamento di tende da sole, pergole e vele non necessitano di alcun titolo, trattandosi di interventi senza rilevanza edilizia, ma con funzione accessoria di arredo dello spazio esterno, dunque limitata nel tempo.

Attenzione però: se nella parte superiore della pergola è presente una copertura fissa, non si tratta più di un pergolato ma di una tettoia, la sua realizzazione è soggetta alle regole previste per questo tipo di struttura.

Anche l’installazione di una pergotenda rientra tra gli interventi di edilizia libera, in quanto si tratta di una struttura leggera con tende retrattili non in grado di alterare la sagoma dell’edificio.

Le norme da tener presenti per stabilire quale sia il titolo abilitativo idoneo per i gazebo sono le disposizioni locali contenute nel Regolamento Edilizio e le norme nazionali, se l’area di intervento ricade in ambito paesaggistico o in altri vincoli

Bisogna distinguere due casi:

  • Gazebo temporaneo non affisso al suolo
  • Struttura affissa stabilmente al suolo

Per il primo non è necessario alcun titolo abilitativo. Per il secondo, invece, la realizzazione del gazebo richiede il Permesso di Costruire.

È invece necessaria l’autorizzazione paesaggistica per le seguenti opere:

  • tettoie, porticati, chioschi da giardino di natura permanente e simili aperti su più lati, con superficie non superiore a 30mq
  • manufatti accessori o volumi tecnici con volume emergente fuori terra non superiore a 30 m cubi

Per maggiori approfondimenti, consigliamo di far sempre riferimento ai regolamenti edilizi regionali e comunali.